English | Italiano | 中文 | Pусский | Français | Deutsch | Español
Adozione maggiorenne: l'iter, le condizioni e gli effetti

L’adozione di un maggiorenne è una procedura destinata cui ricorrono i soggetti che non hanno figli e che desiderano trasmettere il proprio patrimonio o il proprio nome di famiglia a un altro soggetto, nonché dare assistenza duratura a chi versa in stato di bisogno.

Con questo procedimento l'adottato aggiunge al proprio il cognome dell'adottante, acquista i diritti anche successori e assume gli obblighi di un figlio.

Le condizioni richieste per l’adozione di un maggiorenne sono:

- Limite di età di 35 anni per l’adottante (riducibili a 30 se il Tribunale autorizza) e 18 anni per l’adottando;

- L’adottante può essere single o coniugato;

- Il consenso dell’adottante e dell’adottando;

- L’assenso dei genitori dell’adottando, del coniuge dell’adottante e dell’adottando non legalmente separati, e dei figli maggiorenni dell’adottante. Se l'adottando è divorziato sarà sufficiente produrre la sentenza di divorzio.

Come adottare un maggiorenne? Ecco come fare e la procedura 

L’iter mediante il quale si perfeziona l’adozione di un maggiorenne ha inizio con la presentazione della domanda di adozione al Presidente del Tribunale del luogo di residenza dell’adottante.

Contestualmente devono essere prestati i consensi da parte dell’adottante e dell’adottando e gli assensi delle persone indicate dalla legge. Si l’adottando è straniero, il consenso dei genitori può essere prestato tramite atto notarile, opportunamente tradotto e legalizzato.

Acquisita la documentazione necessaria e le dovute informazioni, il Tribunale dovrà verificare che:

- siano soddisfatte tutte le condizioni previste dalla legge;

- l’adozione convenga all’adottando.

All’esito della valutazione preliminare, sentito il parere del Pubblico Ministero, il Tribunale decide con sentenza se autorizzare o meno l’adozione. In caso di responso positivo, il provvedimento di adozione viene trascritto al margine dell’atto di nascita dell’adottato.

I documenti richiesti all’atto della presentazione della domanda sono:

1. Atto integrale  di nascita dell’adottante e dell’adottando. Se l’adottando è straniero, l’atto di nascita dovrà essere tradotto e legalizzato nel Paese di origine ai fini della validità in Italia;

2. Certificato di residenza dell’adottante;

3. Stato di famiglia dell’adottante e dell’adottando;

4.  Atto di notorietà o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, attestante che l’adottante non ha discendenti legittimi o legittimati, in carta libera

5.  Dichiarazione sostitutiva o atto di notorietà attestante che l’adottando non e stato adottato da altra persona;

6.  Certificato di morte dei genitori dell’adottando, se deceduti;

7.  Certificato di matrimonio o di stato libero dell’adottando;

Per l’adottando straniero, copia della legge dello stato di cittadinanza del maggiorenne, tradotta in lingua italiana, disciplinante l’istituto ad esame;

Copia del permesso di soggiorno per l’adottando straniero (se in possesso).

Adozione maggiorenne: gli effetti sull'adottante e l'adottato 

Per quanto riguarda gli effetti dell’adozione, che iniziano a prodursi dal provvedimento che la autorizza, occorre distinguerli a seconda che interessino l’adottante o l’adottando.

Nel dettaglio, per quest’ultimo vale quanto segue:

- Assume il cognome dell’adottante, anteponendolo al proprio;

- Conserva i diritti e doveri verso la famiglia di origine;

- Diviene titolare di diritti successori rispetto all’adottante;

- Non acquista rapporti civili con i parenti dell’adottante.

Diversamente, l’adottante di un maggiorenne non acquista diritti successori rispetto l’adottato né, tantomeno, rapporti civili con la famiglia dello stesso.

Adozione maggiorenne: è possibile revocarla? 

È possibile la revoca dell’adozione di un maggiorenne solo nei casi espressamente previsti per legge, ovvero:

- Per indegnità dell’adottando, che si verifica allorquando quest’ultimo attenti alla vita dell’adottante o del suo coniuge, dei suoi discendenti o ascendenti o, inoltre, quando si renda colpevole di un reato punibile con una condanna non inferiore ai tre anni;

- Per indegnità dell’adottante, qualora attenti alla vita dell’adottato, del coniuge o dei discendenti/ascendenti del medesimo.

Se vuoi avere informazioni anche sull'adozione internazionale, clicca qui. 

Desideri adottare una persona maggiorenne? Ecco come possiamo aiutarti 

Lo studio legale Arnone&Sicomo assiste tutte le persone che siano interessate ad adottare bambini o persone maggiorenni.

Ci occupiamo anche di adozione di straniero maggiorenne senza permesso di soggiorno.

PALERMO | MILANO | ROMA | NAPOLI | CATANIA | CUNEO | VENEZIA | TRENTO | LONDRA | BARCELLONA | LUSSEMBURGO | ISTANBUL | BRUXELLES | MADRID